Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tokyo

SETTIMANA DEL VINO ITALIANO

Data:

12/11/2012



SETTIMANA DEL VINO ITALIANO
Si e' aperta oggi nella splendida cornice della Residenza dell'Ambasciata d'Italia a Tokyo la seconda edizione della "Settimana del Vino Italiano" in Giappone, l'iniziativa di promozione del vino italiano realizzata dall'Ambasciata d'Italia e dall'Ufficio ICE di Tokyo, con il supporto di Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero della Politiche Agricole Alimentari e Forestali, in collaborazione con il Consolato Generale di Osaka, l'Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, l'ENIT e la Camera di Commercio Italiana in Giappone.

La "Settimana del Vino Italiano 2012" offrira'  fino al 20 novembre agli operatori del settore ed agli appassionati 21 eventi dedicati al vino italiano che vanno da presentazioni e walk-around tastings a master class e concorsi per sommeliers miranti a formare una scuola di sommeliers esperti dei vini italiani; da eventi 'glamour' miranti a sfruttare il tie-up con brands italiani del lusso molto conosciuti ed amati in Giappone, a eventi di matching fra vino italiano e cibo giapponese miranti a creare la percezione che sushi e sashimi, cosi' come gli altri piatti della tradizione nipponica, possano essere esaltati dall'associazione con i vini italiani.

I positivi risultati riscossi dalla Settimana del Vino Italiano 2011 hanno portato nuovi attori del mondo viti-vinicolo italiano a prendere parte a questa iniziativa sistemica che presenta il meglio della produzione enologica italiana. L'impossibilita' di comprimere tutti gli eventi all'interno della "Settimana del Vino Italiano" ha portato ad una estensione del periodo dedicato alle iniziative di promozione del vino italiano, raccogliendole nella manifestazione "3000 Anni di Vino Italiano",  che con ben 40  eventi in programma quest'anno, e' divenuta un appuntamento consueto del calendario promozionale del settore eno-gastronomico in Giappone nel mese di novembre, con l'ambizione di raccogliere sempre piu' protagonisti del mondo del vino italiano ed aumentare il consumo del nostro vino nel mercato nipponico.

Sono 15 i protagonisti, fra Consorzi ed Enti, della manifestazione "3000 Anni di Vino Italiano", della quale la "Settimana del Vino Italiano 2012" rappresenta la colonna portante: i Consorzi Chianti Classico, Brunello di Montalcino, Nobile di Montepulciano e Prosecco Superiore di Conegliano Valdobbiadene, raccolti nell'iniziativa di Federdoc, il Consorzio per la Tutela del Franciacorta, il Consorzio dell'Asti DOCG, il Consorzio Vino Chianti DOCG, l'Istituto Grandi Marchi, il Gambero Rosso, le iniziative 'Simply Italian Great Wines' e di Enoteca Italiana. 1590 le etichette che saranno presentate da circa 307 aziende italiane partecipanti a circa 830 persone fra importatori, distributori, ristoratori, sommeliers, wine lovers, giornalisti e operatori vari del settore. 
La novita' dei quest'anno e' inoltre rappresentata dall'espansione geografica della manifestazione, che vedra' eventi anche nelle citta' di Osaka, Kyoto, Nagahama e Toyama, grazie alla collaborazione avviata con le Autorita' locali.

Il calendario di quest'anno prevede anche delle interessanti Fiere in cui il vino italiano sara' protagonista, presso il National Azabu ed i Grandi Magazzini Hanshin di Osaka, oltre a importanti iniziative messe a punto dagli hotels Shangri-la e Hyatt Regency di Tokyo ed ANA Intercontinental di Kyoto.

La ristorazione ha un ruolo importante con l'iniziativa della Prefettura di Kyoto 'Toscana Wine Week', che consetira' agli appassionati eno-gastronomici di gustare dell'ottimo vino toscano in 6 ristoranti giapponesi di altissimo livello di Kyoto, e con la manifestazione Di-Vino in Vino, organizzata dalla Camera di Commercio italiana in Giappone, con la partecipazione di 22 ristoranti italiani di Tokyo i quali offriranno vini italiani a prezzi speciali con la possibilita' di prendere parte ad un concorso con in palio una fornitura di vino italiano.

Rimane infatti il canale HoReCa (Hotel, Restaurants, Catering) il veicolo principale della diffusione del vino italiano, soprattutto grazie alle migliaia di ristoranti italiani disseminati in tutto il Giappone, con un trend crescente che sembrava utopia solo durante gli anni Ottanta.
La crescita esponenziale della ristorazione italiana e' dovuta alla grande passione dei consumatori giapponesi per il cibo italiano, ritenuto piu' simile alla cultura gastronomica del Sol Levante, basata sulla stagionalita' degli alimenti e sulla preservazione del sapore originale dei singoli ingredienti, senza il ricorso a complesse salse o condimenti.

E' questo il motivo che secondo alcuni sommeliers giapponesi rende il vino italiano un partner piu' adatto al cibo giapponese rispetto agli altri vini stranieri. La stagionalita' degli alimenti e la preservazione del sapore originale dei singoli ingredienti, rendono la cucina italiana simile a quella nipponica, portando alcuni sommeliers giapponesi a sostenere che il vino italiano rappresenta il partner piu' adatto al cibo giapponese rispetto ad altri vini stranieri grazie alla varieta' e al carattere autoctono dei vini italiani.

Il territorio e la cultura sono indissolubilmente legati al vino, loro primo ambasciatore nel mondo, e saranno protagonisti rispettivamente dell'evento organizzato da Enoteca Italiana il 20 novembre con il seminario 'Vino e Territori' in collaborazione con l'Ufficio ENIT di Tokyo ed il supporto del Ministero della Politiche Agricole Alimentari e Forestali; e del Gran Concorso di Cucina Italiana organizzato dalla Camera di Commercio Italiana in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura di Tokyo.

La manifestazione "3000 Anni di Vino Italiano" e' arricchita mediaticamente quest'anno dal programma televisivo "I Quattro Maestri" che FujiTV ha mandato in onda con successo in 2 puntate in 'golden time' sul canale satellitare FujiBS le due domeniche passate. Protagonisti della trasmissione sono stati i Consorzi Chianti Classico, Brunello di Montalcino, Nobile di Montepulciano e Prosecco di Conegliano Valdobbiadene Superiore, raccontati attraverso le storie delle Cantine piu' note e la descrizione di quei territori e delle loro tradizioni popolari e gastronomiche.

Ingente anche lo sforzo di comunicazione messo in atto dall'Ufficio ICE di Tokyo e dall'Ambasciata d'Italia in Giappone grazie alla stampa di materiale promozionale e al sito internet dedicato in lingua giapponese (www.3000Annidivinoitaliano.jp) al quale sono collegati il sito di promozione delle iniziative legate all'Italia www.italyinjapan.com ed la pagina facebook dell'Ambasciata (italiaingiappone) e quella creata ad hoc (vinoitaliano) da ICE Tokyo.

443