Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tokyo

Viaggiare in Giappone

 

Viaggiare in Giappone

Ambasciata del Giappone in Italia
Japan National Tourist Information
Yokoso Japan

Viaggiare in Giappone

Una veduta del monte FujiPrima di partire
Per recarsi in Giappone per motivi di turismo e per soggiorni non superiori a 90 giorni,  non è necessario il rilascio di un visto d'ingresso. Per viaggiare in Giappone non sono necessarie vaccinazioni di alcun tipo, mentre esistono delle restrizioni sugli oggetti e sui medicinali che si possono introdurre nel Paese (informazioni al riguardo sono reperibili nel sito web dell’aeroporto di Narita). Per visualizzare il cambio dello yen cliccare QUI.
Si informano i connazionali che le carte appartenenti al circuito “Maestro” non funzionano in Giappone per il prelevamento di denaro contante presso sportelli automatici (ATM). Mentre il pagamento tramite carta di credito presso gli esercizi abilitati e’ molto diffuso, si raccomanda comunque di considerare di portare con se’ una quantita’ di contante da cambiare in Giappone in caso di necessita’.

Trasporti
I principali aeroporti internazionali sono Narita e Haneda (Tokyo), quello del Kansai (nelle vicinanze di Osaka e Kyoto) e quello di Chubu (nei pressi di Nagoya). Esistono voli diretti tra l’Italia e il Giappone. Il sistema di trasporti interno è efficiente e i treni ultra-veloci (Shinkansen) consentono di raggiungere in tempi rapidissimi le principali città.  Esistono diversi  biglietti ferroviari speciali, alcuni dei quali (J-rail Pass) acquistabili in Italia presso numerose agenzie di viaggio.

Pernottamento
Per quanto riguarda il pernottamento esistono diverse soluzioni: Hotel International e Business Class, ryokan (locande tradizionali giapponesi), minshuku (locande a conduzione familiare), ostelli della gioventù. Maggiori informazioni si trovano nel sito web dell’Agenzia Nazionale del Turismo del Giappone.

Un paesaggio innevatoLa geografia e il clima
L’arcipelago giapponese si estende da zone sub-tropicali (isole di Okinawa), fino a regioni sub-artiche (isola settentrionale di Hokkaido). Le isole maggiori sono quattro, Hokkaido, Honshu, Shikoku e Kyushu, tra cui Honshu è la più popolosa e ospita i principali centri urbani.
Il Giappone è interessato da frequenti fenomeni di vulcanismo, dovuti alla sua posizione a cavallo di quattro faglie tettoniche (Euroasiatica, del Pacifico, delle Filippine e Nordamericana).
Il 75% del territorio è montagnoso e il rilievo e l'insularità del territorio modificano gli effetti dei monsoni, dai quali il Giappone  è battuto, causando pioggie abbondanti sulle coste dello Honshu (monsone asiatico), piogge torrenziali nelle zone meridionali e sud-orientali (monsone estivo) e diffondendo aria calda e umida nel resto dell'arcipelago. Agli influssi tropicali si alternano quelli temperato-continentali, che rendono gli inverni giapponesi particolarmente rigidi, soprattutto nelle zone settentrionali dello Honshu e in Hokkaido.

Fotografia di una spiaggiaLe stagioni
La primavera giapponese è famosa per i ciliegi in fiore (sakura), che tingono città e campagne delle sfumature del rosa, mentre in autunno la natura assume toni rossastri. Entrambe le stagioni sono caratterizzate da enormi flussi turistici, soprattutto interni. L'estate è generalmente molto calda, con abbondanti precipitazioni durante la cosiddetta "stagione delle piogge" (tsuyu, dagli inizi di giugno alla metà di luglio), mentre in autunno i tifoni colpiscono le zone costiere meridionali e orientali. Durante l’inverno cadono abbondanti nevi nelle aree settentrionali e nord-orientali del paese (l’isola di Hokkaido e l'area di Nagano ospitano numerose stazioni sciistiche).

Fotografia di un paesaggio autunnaleUna veduta di TokyoTokyo, la capitale, è il principale centro economico e culturale della nazione, nonché importante meta turistica dove, tra i numerosi grattacieli, si possono ancora ammirare edifici quali il Palazzo Imperiale e il Santuario Meiji, dedicato all’omonimo Imperatore. Le animate aree di Asakusa e Ueno sono caratterizzate da strutture architettoniche tradizionali e numerosi templi, nonché da una miriade di negozi di souvenir e artigianato locale. Tokyo é nota soprattutto per le moderne e affollatissime aree commerciali di Shinjuku, Shibuya, Aoyama e Harajuku, nonché  per i numerosi capolavori di architettura contemporanea disseminati nella città. Famose sono, inoltre, le zone di Akihabara, costellata da negozi di elettronica, e Shinjuku, Shibuya e Roppongi, per la movimentata vita notturna.

Una foto di KyotoKyoto è l’antica capitale del Giappone e da sempre centro culturale del paese. Meta imperdibile durante un soggiorno in Giappone, essa offre la possibilità di avvicinarsi al cuore della cultura e delle tradizioni giapponesi. Kyoto pullula di templi e santuari (imperdibili sono il Kinkakuji, il Ginkakuji , il Kiyomizudera, il Chioiin, lo Inarijinja) e di giardini (famosissimi quelli del Ryoanji, Daitokuji, Myoshinji). Mete obbligatorie sono anche le due ville imperiali di Katsura (dove è necessario prenotare la visita) e Shugakuin. Nel cuore della città sono situati l’antico Palazzo Imperiale (dove è necessario prenotare la visita) e il Castello Nijo. Nel centro cittadino sono collocate le suggestive zone di Pontocho e Gion. L'artigianato locale  è fiorente (ceramica, lacche, ventagli, articoli in legno, ecc.) e numerosi sono i ristoranti dove si può apprezzare la raffinata cucina locale in atmosfere tipicamente giapponesi.

Una fotografia di una divinità

Nara, già capitale dal 710 al 784 d.C., ospita importanti templi e un Museo nazionale che vanta la più importante collezione di arte buddista del Giappone. La città è relativamente piccola rispetto alle più popolose Tokyo e Kyoto, ma ricca di punti di interesse turistico-culturale, concentrati nel grande parco che circonda il Todaiji.

Kamakura ha ospitato la sede del governo shogunale (bakufu) a partire dal 1192. La città è incantevole ed è circondata da colline dove sono situati numerosi templi (tra cui il Kotokuin -dove è collocata una grande statua del Buddha-, Hasedera) e santuari (Tsurugaoka Hachimangu). Le alture si affacciano sull’oceano creando un paesaggio estremamente suggestivo.

Una foto di OkinawaAltre zone di elevato interesse turistico sono le isole Ryukyu (Okinawa), dove il clima è particolarmente adatto alla balneazione, le sorgenti termali -onsen e rotenburo- del Kyushu, l'isola di Miyajima (Hiroshima), regione dei laghi nei pressi di Bandai (Tohoku) e le montagne dello Shikoku, che ospitano numerosi templi.

Da non perdere sono, inoltre,  il Monte Fuji, uno dei simboli del Giappone,  dove è possibile fare trekking e il Castello di Himeji, nella regione del Kinki, considerato il castello più bello del Paese. Famoso è anche il santuario di Ise, dedicato al culto shintoista della dea Amaterasu, situato in una zona ricca di sorgenti termali.

Una foto del Castello di Himeji     Fotografia di cascate


111