Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tokyo

Cooperazione culturale

 

Cooperazione culturale

Per ulteriori informazioni:
Istituto Italiano di Cultura di Tokyo
Istituto Italiano di Cultura di Osaka

Le relazioni culturali tra Italia e Giappone si fondano su basi solide, rafforzate e ampliate nel corso degli anni dalla Rassegna di sistema “Italia in Giappone”, coordinata da questa Ambasciata, che raccoglie al suo interno le importanti e numerose manifestazioni culturali organizzate dai principali gruppi editoriali e media giapponesi. Un esempio emblematico dell'interesse e della passione dei giapponesi verso la nostra cultura è rappresentato dalle mostre di grandi artisti italiani o di movimenti artistici di alto rilievo nella storia dell'arte italiana, che vengono allestite in varie città del Giappone, oltre che nella sua capitale.

Tra esse ricordiamo, nel 2007, la mostra dell'Annunciazione di Leonardo, al Museo Nazionale (visitata da più di 800.000 persone, il record mondiale per quell'anno) e la mostra su "Perugino, divin pittore". Nel 2009, la mostra sull'Impero Romano al Museo Nazionale d'Arte Occidentale, inaugurata dal Presidente della Repubblica; la mostra itinerante del Museo Egizio di Torino, esposta in varie città del Giappone, e la mostra della Galleria Borghese con opere di Raffaello, Caravaggio, Agostino e Annibale Carracci, Bernini e Guercino. Nel 2011, anno dello tsunami e dell'emergenza nucleare, la mostra "Ritratto di Venezia, mille anni di storia" con importanti testimonianze della vita e della società nella Repubblica di Venezia e importanti opere di Lotto, Carpaccio e Tiepolo; la mostra su "Leonardo e l'idea della bellezza" con opere della Galleria Nazionale di Parma, e la mostra su Segantini, inaugurata il 16 luglio, pochi mesi dopo la calamità che ha devastato il Tohoku. Nel 2013 le mostre dedicate ai grandi del Rinascimento:Leonardo da Vinci, Raffaello e Michelangelo, nonche’ la mostra sull’“Arte Italiana di Otto e Novecento da Palazzo Pitti a Firenze”.

Tra gli eventi musicali, suscitano da sempre entusiasmo le Tournée dei più prestigiosi Teatri italiani che dal 1981, prima tournee della Scala, sono frequentemente in Giappone. Nel 2013, in occasione del bicentenario della nascita di Verdi, i teatri giapponesi hanno ospitato la Scala di Milano, la Fenice di Venezia, il Regio di Torino e il Comunale di Bologna. Nel 2014 e’ stata a Tokyo l’Opera di Roma, diretta da Riccardo Muti.

Anche il cinema italiano è protagonista in Giappone attraverso il Festival del Cinema Italiano, che si ripete ogni anno, in primavera, tra fine aprile ed inizio maggio. Decine di migliaia di appassionati si accalcano nelle sale in cui vengono proiettati famosi film italiani del passato e contemporanei, che contribuiscono a far conoscere ai giapponesi la nostra cultura, il nostro stile di vita, le nostre passioni. Ogni due anni, inoltre, la manifestazione viene proposta anche a Osaka.

Quest’anno, nell’ambito delle celebrazioni del 150mo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone, le iniziative culturali previste sono molte e di altissimo livello. Tra le mostre “Botticelli e il suo tempo” al Tokyo Metropolitan Art Museum e “Caravaggio” al National Museum of Western Art a Ueno; “Leonardo da Vinci: al di la’ del visibile” e “Leonardo da Vinci e la battaglia di Anghiari: il mistero della tavola Doria”; “il genio di Michelangelo”; “Giorgio Morandi – variazioni infinite” per far conoscere un pittore icona dell’Italia del XX secolo e “Pitture parietali romane a Pompei, presso la Mori Art Center Gallery di Roppogi; la collezione dalla Galleria dell’Accademia di Venezia e quella sui gioielli dei Medici, dal Museo degli Argenti di Firenze. Verra’ inoltre presentato per la prima volta in Giappone il ritratto di Ito Mansho, opera di Domenico Tintoretto del 1585, che e’ stato riscoperto nel 2014 in una collezione privata.

Il programma degli eventi musicali prevede importanti appuntamenti con l’Orchestra italo-giapponese del 150mo, diretta dal Maestro Riccardo Muti e composta dai musicisti dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e della Tokyo Harusai Festival Orchestra; la Tourne’e del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala; i concerti del Maestro Maurizio Pollini e il Japan Orfeo, originale fusione tra la più antica opera al mondo – l’Orfeo di Monteverdi – e la grande tradizione del teatro giapponese.

Questa ricca offerta culturale ha mantenuto, nel corso degli anni, livelli qualitativi particolarmente elevati ed ha posto il nostro Paese -così amato e ammirato dal popolo giapponese - al centro dell’attenzione del sistema mediatico, con cui questa Ambasciata collabora costantemente. La funzione promozionale che la nostra cultura può assicurare ad altri settori, quali l’economia e il turismo e, più in generale, per l’immagine del nostro Paese, è emersa con grande evidenza. La cultura può essere il volano di importanti eventi promozionali, frutto della collaborazione delle istituzioni italiane e giapponesi.

Questa Ambasciata cura anche un sito web dedicato alla Rassegna "Italy in Japan" in cui vengono riportati e aggiornati tutti gli appuntamenti con la cultura e l'arte italiana in Giappone.

 

 


48