Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tokyo

AGGIORNAMENTO AI CONNAZIONALI DEL 2 NOVEMBRE 2011

Data:

02/11/2011


AGGIORNAMENTO AI CONNAZIONALI DEL 2 NOVEMBRE 2011

Alcune notizie di stampa basate su comunicati della TEPCO hanno oggi riportato la presenza in tracce degli isotopi Xenon-133 e Xenon-135 all'interno della struttura di contenimento primario del reattore numero 2 dell'impianto di Fukushima-I.

Dati i tempi di decadimento molto brevi (rispettivamente 5 giorni per lo Xenon-133 e 9 ore per lo Xenon-135) e poiche’ questi radioisotopi vengono prodotti nel processo di fissione dell'uranio, si e' subito ipotizzato che possano essersi recentemente verificate reazioni di fissione nucleare all'interno del reattore numero 2. Al fine di confermare queste prime rilevazioni, e’ stato richiesto alla Japan Atomic Energy Agency di effettuare analisi indipendenti per confermare o meno la presenza di Xenon radioattivo nel reattore.

Il fatto che tutti i parametri del reattore n. 2 siano rimasti stabili nel recente periodo e che, in particolare, la temperatura sia rimasta costantemente al di sotto dei 100 gradi centigradi, garantisce che eventuali criticita’ - che peraltro rimangono da confermare - abbiano in ogni caso effetti estremamente localizzati all’interno del reattore. E' altresi' ipotizzabile che le reazioni di fissione rilevate non siano peraltro dovute a criticita’, ma che queste siano indotte da neutroni generati da decadimenti o da altre reazioni residue all'interno del reattore stesso. In ogni caso, non ci si aspetta alcun effetto esterno al reattore, che rimane quindi in condizioni di stabilita’.

In via precauzionale, i tecnici sono comunque intervenuti assicurando una immissione di boro all'interno del reattore, in modo da bloccare qualunque residuo campo neutronico e, quindi, qualunque reazione nucleare residua eventualmente presente all'interno del reattore.

Quanto sopra segnalato non influenza, al momento, il progresso delle attivita' di messa in "fermo a freddo" del reattore in questione.

Ci si riserva di comunicare eventuali, ulteriori aggiornamenti.

Per gli aggiornamenti precedenti cliccare qui

 


383