Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tokyo

INFORMAZIONI AI CONNAZIONALI - Aggiornamento del 19 luglio 2011

Data:

19/07/2011


INFORMAZIONI AI CONNAZIONALI - Aggiornamento del 19 luglio 2011


Sicurezza alimentare

L'Ambasciata continua a monitorare le misure adottate dalle autorità giapponesi relativamente alla sicurezza alimentare.

Nella seconda settimana di luglio sono stati rilevati casi in cui il livello di Cesio radioattivo nella carne di manzo prodotta in alcuni allevamenti della Prefettura di Fukushima è risultato superiore ai livelli massimi consentiti dalla normativa giapponese. Carne di manzo possibilmente contaminata potrebbe essere stata distribuita in 38 Prefetture, inclusa Tokyo.

A seguito di tali rilevazioni, le autorità giapponesi hanno sospeso la distribuzione di carne di manzo proveniente dagli allevamenti situati in tutta la Prefettura di Fukushima. Resta tuttavia la possibilità che capi di bestiame allevati nelle Prefetture vicine, in particolare in quelle di Miyagi, Niigata, Yamagata, siano stati alimentati con mangimi prodotti nella Prefettura di Fukushima, conservati all'aperto e quindi possibilmente contaminati.

Premesso che il consumo occasionale di carne contenente livelli di Cesio radioattivo al di sopra dei limiti di riferimento fissati dal Governo giapponese (con valori del tipo di quelli riscontrati nel caso sopra esposto) non comporta effetti sulla salute umana, si suggerisce comunque ai connazionali di accertarsi, in tutta la misura del possibile, della provenienza della carne consumata in Giappone, evitando quella prodotta/originaria delle Prefetture sopra menzionate.

Restano in vigore le restrizioni sulla commercializzazione e consumo di latte, alcuni tipi di verdure e di pescato nella prefettura di Fukushima, oltre al divieto di distribuzione e commercializzazione delle foglie di te' in alcuni distretti delle prefetture di Gunma, Tochigi, Chiba e Kanagawa. Informazioni dettagliate e aggiornate sono disponibili sul sito del Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare (MHLW).

Per gli aggiornamenti precedenti cliccare qui


370