Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tokyo

UTILIZZO FONDI TERREMOTO IN ABBRUZZO

Data:

18/05/2011


UTILIZZO FONDI TERREMOTO IN ABBRUZZO


Saranno destinati soprattutto a finanziare borse di studio presso l’Università dell’Aquila, oltre che all’acquisto di nuove attrezzature e laboratori per sostituire quelle danneggiate del sisma, i fondi raccolti in Giappone dall’Ambasciata d’Italia a Tokyo a seguito del terremoto che ha colpito l’Abruzzo nell’aprile scorso. Il conto corrente era stato aperto dall’Ambasciata all’indomani del sisma, a seguito delle generose offerte di aiuto in denaro giunte da istituzioni, imprese e privati cittadini giapponesi. Dal 7 aprile al 7 gennaio, la solidarieta’ nipponica a tutti i livelli ha permesso di raccogliere 38.735.511 yen, corrispondenti a circa 300.000 euro al cambio attuale. Dopo un’attenta riflessione sulla destinazione piu’ idonea degli aiuti, la scelta e’ caduta sull’Università dell’Aquila, ed in particolare sulla Facoltà di Lettere e Filosofia, la più danneggiata dal terremoto nonché nucleo storico fondante dell’Ateneo. Le generose donazioni giapponesi permetteranno di istituire borse di studio annuali e pluriennali e di sostituire il materiale tecnico danneggiato dal terremoto, consentendo cosi’ all’Ateneo aquilano di tornare a svolgere attivita’ di ricerca storico-archeologica sulla civilta’ italiana, tradizionalmente amata ed apprezzata dal popolo giapponese. L’Ambasciatore del Giappone in Italia, S.E. Hiroyasu Ando e rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri e dell’Universita’ dell’Aquila prenderanno parte alla cerimonia di consegna simbolica degli aiuti, che si terra’ in febbraio a L’Aquila, presso la Facolta’ di Lettere e Filosofia dell’Universita’. L’Ambasciata d’Italia a Tokyo torna a rivolgere il proprio piu’ sentito ringraziamento a tutti coloro che, colpiti dalla drammaticita’ dell’evento, hanno voluto versare un contributo per la ricostruzione ed il ritorno alla normalita’ delle terre d’Abruzzo.


304