Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tokyo

MISSIONE IN GIAPPONE PER ATTRARRE INVESTIMENTI Ambasciata d’Italia a Tokyo, Deloitte e Promos hanno organizzato un road show a Tokyo e Osaka in cui sono state coinvolte 100 aziende giapponesi di vari settori  

Data:

18/05/2011



MISSIONE IN GIAPPONE PER ATTRARRE INVESTIMENTI

Ambasciata d’Italia a Tokyo, Deloitte e Promos hanno organizzato un road show a Tokyo e Osaka in cui sono state coinvolte 100 aziende giapponesi di vari settori 
 



Si è concluso oggi il road show che ha fatto tappa a Tokyo e Osaka, per promuovere l’attrazione degli investimenti in Italia.
L’iniziativa, organizzata dall’Ambasciata italiana a Tokyo, Deloitte, realtà leader nei servizi alle imprese e Promos, l’Azienda Speciale della CCIAA di Milano per l’Internazionalizzazione, ha visto, durante le giornate del 4 e 9 marzo, incontri B2B con le aziende attive nei settori delle energie rinnovabili, dell’elettronica e della moda, mentre il 5 e 8 marzo sono stati organizzati due seminari per la business community, a Tokyo e Osaka, per illustrare le opportunità di investimento in Italia, con un focus speciale su Milano, Lombardia ed Expo 2015, e gli assetti normativo, amministrativo e fiscale per sviluppare con successo business in Italia.
I due seminari di Tokyo e Osaka hanno visto la partecipazione di oltre 100 imprenditori e aziende giapponesi, potenziali investitrici, grazie all’iniziativa congiunta dell’Ambasciata d’Italia, di Deloitte, Promos, Banca d’Italia e Ice. A margine di entrambi i seminari si sono svolti incontri bilaterali di approfondimento con i rappresentanti delle aziende presenti.

“Il successo di questo road show – dichiara Vincenzo Petrone, Ambasciatore d’Italia a Tokyo - ci da la certezza che vi sono grandi margini per incrementare gli investimenti delle aziende giapponesi in Italia. E' un'iniziativa che con Deloitte vorremmo ripetere l'anno prossimo. Credo che assisteremo nei prossimi anni a una nuova dinamica di investimenti produttivi giapponesi all'estero e vogliamo che l'Italia sia uno dei poli principali di questi investimenti”.

“Il Giappone – continua Pier Andrea Chevallard, Direttore di Promos e Segretario Generale della CCIAA di Milano - è il secondo Paese per numero di investitori presenti sul territorio milanese, con più di 150 imprese insediate (50% delle imprese giapponesi in Italia). Le aziende giapponesi a Milano danno impiego a circa 8.000 persone e realizzano un fatturato complessivo di 7.800 milioni di euro. Questo testimonia l’importanza di intraprendere iniziative mirate verso questo mercato. A testimonianza della strategicità del Giappone, c’è un dato significativo: nel corso del 2008 gli investimenti nipponici all’estero, in controtendenza rispetto ai trend mondiali, sono aumentati rispetto all’anno precedente del 52%, per un ammontare di 13.168 miliardi di Yen. L’Italia ha visto triplicare gli investimenti giapponesi rispetto al 2007 (da 5,4 miliardi di Yen del 2007 a 18,4 miliardi del 2008), a fronte di una flessione del 6,4% nell’Unione Europea”.

“Gli investimenti in Italia – conclude Roberto H. Tentori, Presidente di Deloitte & Touche Spa -  sono concentrati soprattutto in Lombardia e rappresentano una percentuale ancora minima (0,14%) rispetto agli investimenti giapponesi nel mondo. Questi incontri sono stati un’ottima occasione per far conoscere ancora meglio il mercato italiano con le sue opportunità e potenzialità, e gli assetti normativo, amministrativo e fiscale per fare impresa con successo in Italia. Diverse grandi imprese giapponesi non ancora presenti in Italia hanno manifestato volontà ad approfondire ulteriormente i temi sulle nuove opportunità di business e d’investimento e l’intenzione a partecipare ad altri incontri di questo tipo. E’ stato anche un momento utile per definire nuove relazioni e idee, che potranno essere colte dalle aziende italiane interessate al mercato giapponese dove da anni il network Deloitte Touche Tohmatsu opera al fianco di molti imprenditori”.


275